Sabato 24 maggio alle ore 18.00 presso la Pinacoteca Civica di Como si inaugura una mostra di Andrea Branzi intitolata Oggetti e territori. In questa occasione vengono esposti alcuni oggetti ideati da Branzi negli ultimi anni – tratti dalle serie Canneti 2006, Simbiosi 2005, Blister, Enzimi 2005, Sciami 2006, Sugheri 2007, Uomini e fiori 2006, Portali 2007, Cestini elastici, Wireless, Età del Bronzo – alcuni recenti video e una scultura.

La mostra è prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Como ed è curata dall’Associazione Lithos con Roberto Borghi.

Come scrive lo stesso Branzi, Oggetti e territori è una mostra focalizzata “sul mio lavoro di ricerca sperimentale che si colloca tra design e progettazione di nuovi territori urbani, e che nasce dal superamento dell’idea della città come struttura rigida, architettonica, incapace di trasformarsi nel tempo, a favore di una lettura più realistica della realtà metropolitana intesa come territorio dinamico, le cui qualità espressive e funzionali sono costituite oggi dal flusso della merce, delle informazioni e dei servizi. Una città dunque dove i micro progetti, i sotto sistemi ambientali, gli oggetti d’uso e decorativi sono i nuovi protagonisti della scena urbana. Oggetti e territori nasce quindi nello spirito sperimentale del XXI secolo, come prima ipotesi di un nuovo rapporto tra la grande e la piccola scala, tra l’infinitamente complesso e l’infinitamente semplice, tra qualità territoriali e qualità poetiche. Scavalcando la mediazione dell’architettura, la mia ricerca si sviluppa definendo la città come un insieme prodotti, servizi e informazioni, e il design come una attività che produce le nuove qualità urbane.”

La mostra, realizzata in collaborazione con la galleria Milly Pozzi, può essere visitata sino al 20 luglio 2008.

In occasione della mostra Silvana Editoriale pubblica un libro sul lavoro di Andrea Branzi con una conversazione tra il designer e Manolo De Giorgi.

LOCANDINABRANZI1DEFINITIVA

Andrea Branzi - Oggetti e Territori

image